• Editoriali
  • Verso Cracovia... visita a Radom, la città del gemellaggio

Un dono di Natale: riconciliarsi con Dio

L’Avvento, in particolare i giorni vicini al Natale, è un tempo ricco, colmo di luci, di musiche, di profumi, di colori, di voci; il color rosso e il color oro riempiono le vetrine dei negozi; i pranzi, i mercatini di solidarietà, i concerti natalizi, le recite dei bambini animano in modo straordinario le chiese e i saloni parrocchiali. L’Avvento è anche un tempo adatto per la preghiera; al centro dell’Avvento, l’8 dicembre, splende la festa dell’Immacolata che dona una tonalità mariana a tutto il periodo liturgico. Il Natale è così bello che molti desiderano viverlo bene anche dal punto di vista religioso. In questi ultimi giorni di Avvento un buon numero di giovani sono venuti a confessarsi; non pochi ragazzi hanno fatto delle confessioni, direi, impegnative, coinvolgenti, affidando all’amore di Dio fragilità e cadute anche pesanti e dolorose. Sono convinto che moltissime persone, tanti giovani, desiderano accostarsi al sacramento della Misericordia e del Perdono ma non lo fanno. In fondo tutti desideriamo essere rinnovati, perdonati; vorremmo che qualcuno desse un colpo di spugna sul nostro passato meno luminoso, ci liberasse dai sensi di colpa, ci permettesse di ricominciare da zero. Mi sono fatto l’idea che molti non si avvicinano alla Riconciliazione per paura, per vergogna…Tanti non vanno a confessarsi perché temono di ricadere immediatamente nei soliti errori, credono di non riuscire a cambiare e quindi di essere bugiardi nell’accusarsi sempre delle stesse cose; ammetto che anche io talvolta mi sento bloccato nel dover ripetere al confessore sempre le solite cose. Questi e altri pensieri che ci tengono lontani dall’abbraccio misericordioso e affettuoso di Dio, dal sacramento della Confessione, sono certamente tentazioni del Maligno. Per Natale regaliamoci una bella confessione e soprattutto aiutiamo i nostri amici a superare ogni paura; nessuno, proprio nessuno è fuori dall’amore di Dio; preghiamo perché tutti lo sentano e lo capiscano. Santo Natale a tutti.

+ Mons.Nicolò Anselmi - Vescovo Ausiliare diocesi di Genova