• slideshow-gioia piena
  • slideshow-gioia piena 2
  • slideshow-gioia piena 3
  • slideshow-gioia piena
  • slideshow-gioia piena 5

Per riflettere

  • testata articolo5 web

    N.5 – Aprile 2017

    Dallo Spazio:

    scienza e fede, integrazione possibile?

    Dallo spazio si vede che la Terra è un pianeta unico; capisci che dobbiamo lavorare insieme, come esseri umani, per gestire questo pianeta che, dall’alto, rivela tutta la sua fragilità, sembra in equilibrio su uno spillo” Così Paolo Nespoli, astronauta italiano, in una recente intervista a TV 2000, mentre si prepara a ritornare sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), per la missione Vita. Una coscienza della terra comune agli astronauti che hanno vissuto lontano dal nostro pianeta, al punto che “Dovremmo andare tutti nello spazio: diventando extraterrestri diventiamo terrestri migliori”.[video]

    in GioiaPiena articoli per riflettere Leggi tutto...

LABORATORIO ALL’APERTO “Rompere i Cerchi”

LE TRAPPOLE DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI, UN MODO PER TRATTARLE

L'attività si é realizzata in due incontri, il primo presso la piazza di Caricamento, mentre il secondo in piazza De Ferrari. Essa consisteva in una riflessione a livello sociale basata su un dialogo faccia a faccia tra i giovani coinvolti, con l'obbiettivo appunto di "Rompere i Cerchi" ossia i limiti posti da ognuno nelle relazioni umane con gli altri.
Il laboratorio realizzatosi dalle 15:00 alle 17:00 consisteva in due punti fondamentali: l'approccio e il dialogo. Il primo cercava di stabilire il contatto con il passante, e se questo aveva esito positivo si passava al secondo punto, invitandolo ad entrare nel cerchio costruito dai ragazzi, il quale aveva di fronte a se un'altro cerchio, con all'interno uno dei responsabili pronti ad iniziare la loro conversazione con la persona implicata.

  • I ragazzi nel mandato e la consegna delle magliette di Gioia Piena
  • Preparando i cerchi  a Caricamento
  • Altri ragazzi entrano nel cerchio e i nostri  ragazzi iniziano il dialogo.
  • Altri ragazzi entrano nel cerchio e i nostri  ragazzi iniziano il dialogo.
  • Altri ragazzi entrano nel cerchio e i nostri  ragazzi iniziano il dialogo.
  • I ragazzi rompono i cerchi dopo del dialogo con il suo interlocutore
  • I ragazzi dopo del dialogo ci lasciano la sua impressione del laboratorio
  • Alla fine del laboratorio con Don Nicolo
  • I ragazzi in preghiera prima di uscire alla loro missione
  • II ragazzi una volta sistemati i cerchi aspettano che altri entrino nel cerchio
  • Inizia il dialogo
  • foto di gruppo
  • I ragazzi nel mandato e la consegna delle magliette di Gioia Piena

  • Preparando i cerchi a Caricamento

  • Altri ragazzi entrano nel cerchio e i nostri ragazzi iniziano il dialogo.

  • Altri ragazzi entrano nel cerchio e i nostri ragazzi iniziano il dialogo.

  • Altri ragazzi entrano nel cerchio e i nostri ragazzi iniziano il dialogo.

  • I ragazzi rompono i cerchi dopo del dialogo con il suo interlocutore

  • I ragazzi dopo del dialogo ci lasciano la sua impressione del laboratorio

  • Alla fine del laboratorio con Don Nicolo

  • I ragazzi in preghiera prima di uscire alla loro missione

  • II ragazzi una volta sistemati i cerchi aspettano che altri entrino nel cerchio

  • Inizia il dialogo

  • foto di gruppo

Leggi tutto

Cuore aperto e missionario – i The Sun a Genova

È nell’affascinante cornice di Piazza Caricamento che, nella serata del 30 aprile, Genova ospita la rockband cristiana “The Sun”, la quale porta sulla scena il concerto elettrico del suo tour “Cuore Aperto”. Il pubblico è per lo più composto da giovani del Movimento Giovanile Salesiano dell’Italia Centrale e della diocesi di Genova. I The Sun, infatti, sono lì in qualità di ospiti proprio per loro, per testimoniare come la loro vita sia diventata missione attraverso la musica. Ad aprire il concerto è la band dell’oratorio salesiano “Borgo Ragazzi Don Bosco” di Roma, compositrice e interprete dell’inno ufficiale del Forum del Movimento Giovanile Salesiano dell’Italia Centrale, evento entro il quale è stato inserito il concerto. L’atmosfera è giovane, la musica coinvolgente, la testimonianza strabiliante, la band disponibile e gioiosa. Chiude la serata è mons. Nicolò Anselmi, vescovo ausiliario della diocesi genovese, che sullo stile della “buonanotte salesiana” (ovvero il dono di un pensiero prima di tornare alle proprie case) lascia questo messaggio a tutti i giovani presenti: “Dio ti ama, sempre. Qualunque cosa tu faccia durante la giornata, che siano cose belle o errori. Questo dovete ricordarlo ogni sera prima di addormentarvi e ogni mattina appena svegli - Dio ti ama!"

Chiara Cannavacciuolo
Responsabile comunicazioni MGS Italia Centrale

Giornata della solidarietà

giornata solidarietàLo scorso sabato 1 aprile, in occasione della giornata della solidarietà, la giornata in cui le nostre comunità sono chiamate a riflettere sulla propria “vita di carità” , il gruppo di lavoro della Missione Gioia piena dedicato alla proposte di servizio ai giovani, insieme alla Caritas di Genova che ogni anno promuove occasioni di approfondimento sul tema, hanno rivolto una proposta di servizio ai giovani.
Una giornata di riflessione, di conoscenza di realtà di povertà e fragilità della nostra città, di servizio e incontro con persone in difficoltà.

Leggi tutto

La sfida educativa. Non esistono studenti cattivi

video convegno

Venerdì 7 aprile, nella sala Quadrivum di Piazza Santa Marta, il gruppo scuola di Gioia Piena ho proposto un incontro di formazione per insegnanti, educatori, formatori, genitori, ovvero per tutti coloro che sono immersi nell’avventura dell’educazione, dal titolo La sfida educativa. Non esistono studenti cattivi. Ospiti graditissimi, come relatori, sono stati don Claudio Burgio, cappellano del carcere minorile Cesare Beccaria di Milano, autore, tra gli altri, del libro Non esistono ragazzi cattivi, e la professoressa Mariella Carlotti, insegnante nelle scuole superiori di Firenze.

Leggi tutto

Genova: città di ispirazione per artisti mercanti e santi

incontro del 13 marzo 

20170313 universitaL'incontro vedeva come protagonista Genova, città che ha ispirato molti artisti. Il nostro intento era quello di presentare Genova come una città che può ispirare ancora noi giovani, nuovi genovesi. Per questo ci sembra giusto e doveroso conoscere la nostra città in modo da saperla valorizzare e conservare al meglio.

La relatrice, la dott.ssa Grazia Di Natale, che fa parte dell'ufficio dei beni culturali della Diocesi di Genova, ha illustrato in modo breve ed efficace la storia della nostra città, approfondendo l'aspetto storico-artistico. La conferenza si è aperta con la citazione di un sonetto di Petrarca: “Genova città regale”.
Fin da subito Genova è stata descritta come una città divisa tra mare e montagna. In Cattedrale, nella navata centrale, vi è posto il busto di Giano, primo re d'Italia ai tempi degli Etruschi, che nell’antichità era il dio che poteva guardare sia il mare che la montagna. Infatti la Cattedrale non è solo un luogo religioso, ma anche politico: tutte le manifestazioni più importanti si tenevano e si tengono tutt'ora nella Cattedrale.

Leggi tutto

per saperne di più

  • Perchè

    percheLa Pastorale Giovanile, in unione con la Consulta Diocesana e con l’Arcivescovo, ha deciso di dare inizio per l'anno pastorale 2016-2017 ad una attenzione particolare al mondo giovanile indicendo l'anno "Gioia Piena".
    Da molti anni si parla della necessità di una conversione pastorale in chiave più missionaria. Il Cardinale ne parla diffusamente nella Lettera per la conclusione della visita pastorale che è stata pubblicata nell’avvento del 2014.

    Molti giovani, come ben sappiamo, si allontanano dalla Chiesa anche perché vittime di una cultura inquinata e ideologica; tuttavia, in loro abita un forte desiderio di felicità e di verità. Tutti i giovani hanno il diritto di ascoltare un invito appassionato e gioioso a conoscere e a seguire Gesù; a questo diritto corrisponde il dovere della Comunità Cristiana di far conoscere il Signore a tutti.
    La proposta di Gesù ai giovani è una proposta di gioia, è la risposta al bisogno di felicità che abita nel cuore di ogni ragazzo. Proprio la persona di Gesù sarà al centro di questo anno.
    La frase del Vangelo "Vi dico queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena”, riassume pienamente l'opera di Gesù che agisce per noi, per la nostra felicità.
    L'anno vorrebbe essere un modo di rilanciare tutta la pastorale giovanile in chiave più missionaria.
    Il titolo e il logo esprimono l’idea che la vita cristiana con Gesù dona gioia, felicità e speranza per tutti. La missione, come tutta la pastorale giovanile, ha un orizzonte vocazionale finalizzato ad aiutare i giovani a scoprire e realizzare la pienezza della propria felicità nella volontà di Dio. Gesù è vivente nella Chiesa. E’ importante che le iniziative non siano mai di una singola o di una singola associazione ma della chiesa; questa idea di ecclesialità è espressa nel Vangelo dal gesto di Gesù di mandare gli apostoli e i discepoli a due a due. Non si parte da zero; è importante far conoscere ciò che già esiste. La preghiera e il digiuno di tutta la comunità cristiana devono essere il sostegno della missione.

  • A chi è rivolto quest'anno

    chiI giovani, protagonisti e destinatari di quest'anno, sono quelli dai 14 anni fino ai 30-35enni, in particolare coloro che hanno già ricevuto la Santa Cresima; la grazia dello Spirito Santo ricevuta durante la Confermazione sarà la forza principale che sosterrà tutta la missione. Le attività dei giovani durante l'anno saranno fatte dagli stessi giovani per i giovani, nella semplicità dell'annuncio.

    E’ fondamentale la responsabilità personale: ogni giovane cristiano deve sentirsi un missionario, a scuola durante la lezione, all’università, sul posto di lavoro, nella quotidianità. Il primo ambito missionario sono i rapporti interpersonali.
    Inoltre è indispensabile la disponibilità a superare i particolarismi, gli individualismi personali e delle associazioni perché deve essere evidente la Chiesa in cui Gesù vive; i giovani scout, di Azione Cattolica, di CL, di Sant’Egidio, dei gruppi parrocchiali, devono assolutamente essere uniti.
    E’ importante che tutti gli adulti cristiani, genitori, insegnati, docenti, educatori accompagnino lo sforzo dei ragazzi.

  • Il Logo

    logo

    Gli elementi principali del logo sono tre: la Croce, le colline e il mare illuminati dal sole e i giovani.


    La Croce, elemento centrale insieme all’Eucarestia, è fulcro e punto di partenza dei raggi che compongono tutto il logo, a simboleggiare una chiesa in uscita e testimone.


    Le colline e il mare illuminati dal sole sono l’immagine di Genova, evidenziata anche dalla forma dei raggi, simile a quella dei moli del porto.


    I giovani, i protagonisti dell’evento, sono rappresentati da una serie di persone stilizzate che a partire dall’Eucarestia prendono uno slancio verso il mondo, in
    quanto testimoni di Cristo.

     

     

  • Gruppi di Lavoro

    gruppoI gruppi di Lavoro sono 12; per ognuno di esso ci sono alcune persone che coordineranno le attività, in particolar modo un giovane, un sacerdote e una religiosa.

    I gruppi sono aperti se volete unirvi!
    Questi sono i gruppi di lavoro e gli indirizzi mail, per poterli contattare:

    1. Comunicazione Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    2. Servizio a chi è in difficoltà Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    3. Scuola e Formazione Professionale Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    4. Università Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    5. Lavoro Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    6. Feste Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    7. Città, musica, cultura e sport: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    8. Preghiera Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    9. Catechesi Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    10. Diocesi Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    11. Estate Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    12. Evento finale Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

    Lo Spirito santo e la Beata Vergine Maria Stella dell’Evangelizzazione accompagneranno certamente ogni attimo della missione i Gruppi di Lavoro.

  • In Parrocchia e/o Vicariato

    vicariato parrocchiaI gruppi giovanili già esistenti, gruppi parrocchiali, Azione Cattolica, scout COCA-Clan-noviziato-reparto, etc... potrebbero partecipare all'anno nel seguente modo:

    • Fare riunioni all’aperto, uscire, nelle piazze, nei giardinetti pubblici.
    • Creare collegamenti con le scuole del territorio per promuovere la raccolta mensile di generi alimentari nelle scuole collegarle ai Centri di Ascolto, alle Mense etc…
    • Regali di Natale e di Pasqua agli anziani
    • Ogni mese organizzare una cena di strada per festeggiare i compleanni delle persone nate in quel mese, eventualmente con un regalo per tutti, bambini, giovani e adulti; sicuramente per i 18 enni.
    • Promuovere la partecipazione ad eventi in altre parti della città.
    • Promuovere una grande pulizia del quartiere.
    • Partecipare alle feste patronali.
    • Gemellaggi fra due vicariati (ad es. Albaro e Rivarolo) e fare almeno una iniziativa insieme
    • Riscoprire il Venerdi come giorno di digiuno e fare delle raccolte in denaro come frutto del digiuno e aiutare i paesi in via di sviluppo
    • Fare tavoli e gazebos nelle zone più frequentate del vicariato e in parrocchia con vangeli e materiale vario

    Sarebbe inoltre bello che ogni gruppo pubblicizzasse anche al di fuori della propria parrocchia e vicariato le attività proposte in modo da coinvolgere il più possibile i giovani e non solo.

     

  • Evento finale

    evento23/24 Settembre 2017

    Grande festa/concerto finale al Porto Antico con musica e testimonianze; proseguimento con la trasformazione del Piazzale delle Feste in una grande cappella dove vegliare e pregare tutta la notte e all’alba celebrazione dell’Eucarestia.
    L'evento farà parte delle attività di un gruppo di lavoro che si formerà durante l'anno.